venerdì , 19 settembre 2014
Breaking News

Linkedin potrebbe distruggere il Mercato del Recruiting

Come molti sanno a Novembre LinkedIn ha aperto una sede a Milano per espandere il proprio mercato.

Qualche settimana fa sono stati presentati i risultati dell’ultimo trimestre: $167,7 Milioni di Dollari facendo salire le azioni di quasi il 20% in un sol giorno, +136% di revenues nel settore delle “Hiring Solutions“.

Per capire quanto siano grandi questi numeri basta sapere che i ricavi derivati dal recruiting di LinkedIn sono superiori a Taleo (acquistata da Oracle per 1,9 Miliardi di dollari) ed entro l’anno potrebbero raggiungere Monster.com;i ricavi di Monster erano di 250 Milioni di dollari nell’ultimo trimestre ed è cresciuto solo del 2%.

Questo inoltre è solo uno dei servizi offerti da LinkedIn, troviamo anche:

LinkedIn Recruiter, piattaforma di recruiting per le aziende, offre l’accesso all’intero database (circa 150 milioni di professionisti), per cercare e trovare candidati passivamente;

LinkedIn Offerte di Lavoro, consente di pubblicare a pagamento annunci. Il motore di ricerca e la piattaforma è molto potente e mirata, grazie a questo la percentuale di potenziali candidati è altissima.

LinkedIn Employment Branding, permette di creare una pagina web per attirare i candidati e promuovere le offerte di lavoro.

Linkedin Talent Pipeline, gestisce il flusso dei candidati in ingresso. Essendo un po’ complesso come servizio, inserisco un video esplicativo:

Analizzando le conseguenze del successo di LinkedIn troviamo:

  • riduzione del mercato per Agenzie di reclutamento;
  • riduzione del mercato per le Software House che sviluppano applicativi per la gestione delle risorse umane;
  • riduzione del mercato per tutti i servizi on-line (vedi Monster).

C’è da aggiungere che al momento non vengono offerti i seguenti servizi:

  • ricerca diretta dei candidati attraverso recruiter interni a LinkedIn (così come funzionano le normali agenzie);
  • fornitura diretta di potenziali candidati alle aziende;
  • interviste online.

I prossimi mesi saranno decisivi.

Voi che dite?

 

About Paolo Bruno

IT Architect, Big Data and HR Consultant, Blogger per professione, Social addicted per natura. Attualmente vivo diviso tra Milano e San Francisco.

2 commenti

  1. Lo vedo come un aspetto positivo per il mercato del lavoro. Ciò eliminerebbe i passaggi intermedi tra agenzie e candidati. Di conseguenza annunci più veritieri, più reali anziché quelli civetta a cui siamo abituati in questi ultimi mesi. Per concludere, penso che ciò sia una conseguenza del potere sempre più forte dei social network.

Commenta per primo!

Scroll To Top