lunedì , 29 maggio 2017

Linkedin potrebbe distruggere il Mercato del Recruiting

Come molti sanno a Novembre LinkedIn ha aperto una sede a Milano per espandere il proprio mercato.

Qualche settimana fa sono stati presentati i risultati dell’ultimo trimestre: $167,7 Milioni di Dollari facendo salire le azioni di quasi il 20% in un sol giorno, +136% di revenues nel settore delle “Hiring Solutions“.

Per capire quanto siano grandi questi numeri basta sapere che i ricavi derivati dal recruiting di LinkedIn sono superiori a Taleo (acquistata da Oracle per 1,9 Miliardi di dollari) ed entro l’anno potrebbero raggiungere Monster.com;i ricavi di Monster erano di 250 Milioni di dollari nell’ultimo trimestre ed è cresciuto solo del 2%.

Questo inoltre è solo uno dei servizi offerti da LinkedIn, troviamo anche:

LinkedIn Recruiter, piattaforma di recruiting per le aziende, offre l’accesso all’intero database (circa 150 milioni di professionisti), per cercare e trovare candidati passivamente;

LinkedIn Offerte di Lavoro, consente di pubblicare a pagamento annunci. Il motore di ricerca e la piattaforma è molto potente e mirata, grazie a questo la percentuale di potenziali candidati è altissima.

LinkedIn Employment Branding, permette di creare una pagina web per attirare i candidati e promuovere le offerte di lavoro.

Linkedin Talent Pipeline, gestisce il flusso dei candidati in ingresso. Essendo un po’ complesso come servizio, inserisco un video esplicativo:

Analizzando le conseguenze del successo di LinkedIn troviamo:

  • riduzione del mercato per Agenzie di reclutamento;
  • riduzione del mercato per le Software House che sviluppano applicativi per la gestione delle risorse umane;
  • riduzione del mercato per tutti i servizi on-line (vedi Monster).

C’è da aggiungere che al momento non vengono offerti i seguenti servizi:

  • ricerca diretta dei candidati attraverso recruiter interni a LinkedIn (così come funzionano le normali agenzie);
  • fornitura diretta di potenziali candidati alle aziende;
  • interviste online.

I prossimi mesi saranno decisivi.

Voi che dite?

 

About Paolo Bruno

IT Architect e Presales Engineer. Condivido giornalmente su questo blog molte offerte di lavoro sia in Italia che all'estero.

Leggi anche ...

testata

Aste al ribasso per ottenere un lavoro. Sono troppi 600 euro/mese per un addetto stampa.

Egregi Dottori iscritti all’Ordine Nazionale dei Giornalisti, oggi vi propongo una fantastica offerta lavorativa, ove …

3 Commenti

  1. A distanza di due anni e mezzo, la sezione “Lavoro” inizia a riempirsi di annunci di agenzie (per lo più provenienti da InfoJobs). A brevissimo finiranno per infestare i risultati delle ricerche.
    Peccato, perché la scrematura degli annunci buoni porta via troppo, troppo tempo.

  2. Lo vedo come un aspetto positivo per il mercato del lavoro. Ciò eliminerebbe i passaggi intermedi tra agenzie e candidati. Di conseguenza annunci più veritieri, più reali anziché quelli civetta a cui siamo abituati in questi ultimi mesi. Per concludere, penso che ciò sia una conseguenza del potere sempre più forte dei social network.

Commenta per primo!