domenica , 17 dicembre 2017

Hai un lavoro e sei felice. Perche’ cercane un altro passivamente?

Gironzolando allegramente sul web ho avuto il piacere di leggere un articolo che riportava un ragionamento perfettamente in linea con il mio modo di vedere le cose nel mondo del lavoro.

Questo breve articolo è rivolto a coloro che, soddisfatti del proprio lavoro, se ne stanno spaparanzati sulla propria poltrona in ufficio da 5-10 anni.

In teoria dovreste usare questi anni per crearvi delle opportunità passive, se vi chiama un recruiter, parlateci. Non limitatevi a un “grazie, ma non sono alla ricerca”.

Quando perderete il lavoro sarà troppo tardi (ovviamente non ve lo auguro) e vi domanderete il motivo per cui nessuno vi contatta dopo aver inviato migliaia di CV. Cosa avete fatto negli ultimi anni quando stavate bene?

Proviamo a ragionare un attimo, analizziamo i motivi per cui è un bene per la vostra carriera essere un tantino più aperti e disponibili al dialogo.

Tanto per cominciare non c’è momento migliore per valutare un’offerta lavorativa quando la mente è sgombra, senza influenze o pressioni negative esterne.

Il momento peggiore per andare al supermercato è quando si ha fame. Sarete più propensi ad acquistare prodotti alimentari che non vi torneranno molto utili.
Se un dipendente non è soddisfatto tende ad accontentarsi di una posizione/offerta minore rispetto a quello che potrebbe ottenere.Non è molto diverso rispetto a quando parlate con un recruiter e voi state cercando lavoro attivamente. Se cercate lavoro le opportunità vi sembreranno più attraenti di quanto non lo siano in realtà, in particolar modo se non siete soddisfatti della vostra attuale posizione o azienda. Al contrario se siete felici valuterete in modo diverso se l’opportunità è realmente vantaggiosa.

E’ tutto più semplice quando siete felici dove site. Perché? Quando siete voi a candidarvi attivamente è l’azienda che fa lo screening e la cernita dei CV, al contrario quando venite “reclutati” e state bene, sarete voi a qualificare l’azienda e l’opportunità valutando se può esservi d’aiuto professionalmente oppure no. I ruoli sono capovolti.

Dato che sono felice dove sono, se l’opportunità non prevedere un avanzamento di carriera, rimango dove sono. Applicare questa leva è complicato se siete infelici, scapperete dalla situazione attuale, rischiando di peggiorarla. Sai quel che lasci, non sai quel che trovi.

Inutile dire che ad oggi non esiste più il lavoro sicuro e stabile, l’unica sicurezza che avete nel mondo del lavoro è quella che create voi. Se non vi affacciate e non siete voi a dedicare del tempo alla carriera, nessuno lo farà al posto vostro.

Scavate il pozzo prima di avere sete (questa è bellissima), createvi opportunità prima. Parlare con un recruiter che conosce il vostro background e le vostre aspirazioni è un modo per farlo.

Usualmente i recruiter (seri) apprezzano anche lo “star bene del candidato”, se un candidato è felice significa che probabilmente si trova bene a suo agio nel ruolo di competenza e auspicabilmente l’azienda si sta prendendo cura di lui.

Non c’è momento migliore per vendervi, trattare e portare i vostri successi all’interno di un’altra azienda.

Riporto una frase bellissima (non ricordo chi me l’ha detta sinceramente, ma sicuramente era uno bravo :D) che diceva più o meno così:

E’ quando un prodotto è all’apice delle vendite, è quando tutto va bene che devi uscire un secondo prima del crollo. Una volta raggiunto l’apice puoi solo scendere, per continuare a salire devi cambiare.

Il momento migliore per i professioniste di mantenere delle porte aperte è quando sono soddisfatti del proprio ruolo e dell’azienda. E’ il momento in cui potrete prendere in considerazione opportunità solo se soddisfano determinati criteri e non il contrario.

Signori io me ne vado in ferie 🙂 Credo che con questo post concluderò la stagione lavorativa.

A Settembre ci saranno varie novità (contest, opportunità, prodotti editoriali …) quindi:

Un bel Like sulla mia pagina Facebook.

Seguimi su Twitter.

Aggiungimi su Linkedin.

Iscriviti al Gruppo Linkedin più grande d’Italia Job-Seeker (ci sono offerte di lavoro, accettiamo le auto-candidature e ci sono tanti argomenti interessanti)

About Paolo Bruno

Nel mio blog scrivo delle mie esperienze personali e professionali, di tecnologia, recensioni ed opinioni, in modo concreto, diretto e senza fronzoli.

Leggi anche ...

MLM_Network_Marketing

Guerra personale contro il Multi Level Marketing, Network Marketing (e affini).

Eccolo che arriva, puntuale, giorno dopo giorno, come il sole che sorge al mattino (Maya …

Commenta per primo!